Sampietrino © ph Valentina Cinelli

Roma, città… aperta

Armando Bettozzi di “Voce Romana”

Sei bella, Roma, e come ‘na puttana
a tutti tutta ignuda opri la porta;
chi sia la gente che entra nun te importa
è uguale si è stragnera o si è nostrana.

Te se respira, in primis, chi vie’ qua
e come te se guarda è già ingrifato
e vo’ toccatte… tutto emozzionato
e tu, sorgnona, je lo lassi fa’…

Lo pii pe’ mano e lui se fa pia’
e te lo porti a gode le delizzie
che artisti, papi, re, famie patrizzie
lassorno in sempiterna eredità .

E ar tizzio e ar caio che te porti a zonzo
je pare de sta’ in un’ attimosfera
che nu’ e’ de oggi… e penza a come che era…
e s’ accarezza un sercio… un marmo… un bronzo…

pe’ ave’ come un contatto cor passato ,
che lli’ vo’ sta’ anniscosto e ‘n vo’ sorti’
perche’ ‘n vo’ ave’ piu’ gnente da sparti’
co’ un monno che s’ e’ troppo sputtanato.

………………………….

E er SAMPIETRINO guarda e ce s’accora.
E mo’ lo vonno pure fallo fora
e fa’ cola’ er catrame pe’ ogni via
che si lo fanno… fanno ‘na pazzia !
O fanno veni’ i serci da la Cina…!
Roma… Roma… chi ‘n t’ama… t’ aruvina !!!!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi