Sampietrino © ph Valentina Cinelli

Onore al Sampietrino de Roma

di Marco Greggio

Sono legato a questo nobile protagonista delle pavimentazioni delle strade romane.

Da quanno so nato che li vedo li Sampietrini e me ce so affezzionato.
Nun so mica buttati pe tera alla sinfasò. Sempre ar posto loro, ordinati, zitti e boni, puro quanno quarche screanzato je sputa, penzanno de sputà sempricemente pe’tera; oppuro quanno l’urtimo dell’anno, sempre er solito screanzato, ce rompe sopra de tutto, oppuro ancora quanno vengheno battuti pe metteli in posa sulle strade de sta gran bella Città. Bella puro pe loro: scuri, eleganti, lucidi quanno piove o quarcuno l’innaffia pe l’arzura estiva, fedeli: nun te riferiscono mmai quello che hanno visto o sentito, utili, riciclabili; mica come er bitume, che già la parola nun è nobile, invece: Sampietrino, pare quasi sacra sona comme uno de li du Patroni de stà Città: San Pietro.

E poi volemo mette er canto loro, quanno ce vai sopra co le rote de le machine e de le carozze trainate dalli cavalli o mejo ancora co li tacchetti de na bella regazza che te fa ruggirà puro li serci. Pe me, se meriterebbero d’esse “pettinati” più spesso dalle saggine de li scopini; pe libberalli dalle monnezze, che a vorte malamente li ricopreno.

Io, quanno ce cammino sopra, mica li calpesto senza rispetto, penzo ar gran lavoro sapiente de li scalpellini che l’hanno sagomati e a li stradini che ‘nginocchiati l’hanno presi, uno a uno, co le mano e assestati, a mò de disegno, co la mazzetta pe facce spostà commodi.

Quarche vorta, me ce so sgrugnato li ginocchi puro io; ma mica era corpa loro.

Oggi li vorrebbero levà; li criticheno e invece de spenne du sordi pe la manutenzione; dicheno che ce se scivola, dissestano nun so moderni, se fregano li tacchi de le scarpe, che costeno, nu reggheno la spinta, se ritirano, fanno le buche e se sposteno vijaccamente, comme si nun volessero fa er dovere loro; sarà vero, ma a me me piaceno. E quanno ne trovo qualcuno, abbandonato su un montarozzo de tera, sur cijo de na strada ormai asfartata; lo pio in mano puro io, lo guardo, perché so che è un pezzo unico, irripetibile, e penso: “Chissà quante ne ha viste e sentite”; e, se posso, me lo porto a casa; lo sarvo dalla discarica che nun se merita proprio dopo tanto onorato servizio. Poraccio!.

[ via greggio-marco.megablog.it ]

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi