Sampietrino © ph Valentina Cinelli

Via Nazionale: il 26 marzo partono i lavori di riqualificazione

VIA NAZIONALE, MORCONE: “IL 26 PARTONO LAVORI RIQUALIFICAZIONE”-2-
fonte: Omniroma

(OMNIROMA) Roma, 19 mar – (SEGUE). Nello specifico, l’intervento su via Nazionale approvato dalla soprintendenza e dal ministero dei Beni culturali, si svilupperà in due fasi: rinnovamento del sottosuolo e rifacimento del manto stradale. Con la prima fase saranno riqualificate le gallerie dei pubblici servizi (acqua, luce, elettricità e telefonia), costruite agli inizi del secolo scorso e ormai colme di cavi e non funzionali agli interventi di manutenzione e di pronto intervento in caso di guasto. “In questa zona – ha ricordato Morcone – gravitano importanti uffici della capitale, come la questura e il Viminale. È necessario un intervento che rimetta ordine nel sottosuolo”. L’intervento nel sottosuolo impiegherà circa 60 tra operai e tecnici. “I primi giorni – ha spiegato Conti – saranno dedicati alla messa in sicurezza degli accessi alle gallerie. È estremamente difficile mandare a lavorare in sicurezza gli operai in gallerie costruite agli inizi del secolo scorso, dunque, realizzeremo delle camere di sicurezza per l’accesso”. “Non sarà – ha tenuto a precisare Conti – un intervento innovativo, ma conservativo, volto a mantenere l’attuale assetto di via Nazionale”. La seconda fase dei lavori su via Nazionale, inizierà non prima della fine di maggio e riguarderà la riqualificazione del manto stradale. Per il momento, il progetto prevede il rifacimento del manto in asfalto e la rimozione dei sampietrini che saranno utilizzati per i passi carrabili di via Nazionale, per l’ampliamento della zona pedonale di fronte a Palazzo delle Esposizioni e, in un secondo momento, potrebbero essere impiegati per il restyling del Tridente. “Il progetto – ha detto Morcone – è stato autorizzato dalla soprintendenza. Si è immaginato di sostituire i sampietrini con l’asfalto perché, in una strada come via Nazionale, il sampietrino non può reggere il passaggio di un traffico così imponente e pesante” e “il rumore del rotolamento del traffico sui sampietrini – ha aggiunto Morcone – genera inquinamento acustico, per questo l’asfalto potrà rendere più vivibile l’area ai residenti”. Bisogna considerare, secondo l’architetto Conti, che “il sampietrino tollera il passaggio di un traffico fino a 500 autobus al giorno. Su via Nazionale siamo quasi al triplo: 1852”. La sede carrabile sarà realizzata con una pavimentazione drenante e fonoassorbente mantenendo lateralmente – a margine del marciapiede – alcune file di sampietrini. “Il progetto – ha detto Giuliani – prevede che i mezzi pubblici e i taxi continuino a passare su via Nazionale su due corsie riservate. Sarà interdetto il passaggio dei mezzi privati, dei ciclomotori e dei bus turistici. Siamo preoccupati – ha aggiunto – ci aspettiamo problemi, almeno nella fase iniziale, in una zona già critica. Nei primi giorni l’informazione sarà determinante. È un vero cruccio anche perché, in quella zona, c’è una notevole incidenza di carico e scarico merci, alla quale saranno dedicate le strade collaterali a via Nazionale. Non ci possiamo permettere che un furgone si fermi neppure per un minuto sulle corsie preferenziali dedicate ai mezzi pubblici”. “Saranno attivi – ha concluso Giuliani – i varchi elettronici e, nel primo periodo, saranno organizzati dei ‘pre-varchi’ di vigili urbani che informeranno i cittadini delle deviazioni in corrispondenza del cantiere”. Le deviazioni del traffico saranno riprogrammate con lo scendere del cantiere dal primo tratto di via Nazionale fino a largo Magnanapoli. Entro il 10 settembre, il progetto prevede che sia ultimato il restyling dell’intera via Nazionale.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi