Sampietrino © ph Valentina Cinelli

Luci e sampietrini, il nuovo Corso

Repubblica.it

Via ai lavori nel Tridente: marciapiedi larghi e niente auto
Sampietrini al posto dell´asfalto, marciapiedi raddoppiati e lastricati con basoli di grandi dimensioni, nuova illuminazione. Sono appena partiti i lavori per la riqualificazione del Tridente. Il primo cantiere è stato aperto in via del Corso, davanti alla chiesa di San Carlo. Da qui gli interventi procederanno fino a piazza del Popolo, per una prima tranche di lavori che durerà 300 giorni e costerà due milioni e 263.000 euro.

L´obiettivo è pedonalizzare progressivamente tutta l´area attraversata dalle tre strade del Tridente, via del Babuino, via del Corso e via di Ripetta, e riqualificare in tre anni l´intero rione Campo Marzio. Snodo fondamentale del cambiamento sarà l´attivazione del parcheggio interrato del Pincio, pronto all´inizio del 2010, che con i suoi 719 posti auto potrà liberare le vie del Tridente dalle macchine in sosta. Intanto, si comincia con il Corso. Il tratto interessato ai lavori è già isola pedonale, ma il suo assetto urbano è rimasto immutato da quando la via era aperta al traffico: marciapiedi stretti e asfalto sulla strada un tempo percorsa dalle macchine.

L´assessorato all´Urbanistica, invece, dietro esplicita richiesta del sindaco Walter Veltroni, vuole marcare la differenza e enfatizzare uno spazio urbano pensato per i pedoni. Il progetto dell´ufficio Città storica prevede dunque l´allargamento dei marciapiedi fino a quattro metri ed il conseguente restringimento della carreggiata, destinata al trasporto pubblico su gomma. Nelle aree pedonali verrà ripristinata l´antica pavimentazione in sampietrini, con disegno a spina inclinato di 45 gradi.

I marciapiedi, invece, saranno lastricati con basoli dallo spessore di 5 centimetri e le dimensioni di 90×70 e dotati di una superficie antisdrucciolo. Agli incroci guide di selce dalle dimensioni di 24×24 centimetri evidenzieranno le zone che richiedono attenzione. La carreggiata sarà ricoperta di un manto fonoassorbente per ridurre il rumore dell´attrito al passaggio dei bus, mentre lo smaltimento delle acque sarà assicurato da caditoie in ghisa.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi