Li sampietrini, Mel Man

Li sampietrini, Mel Man

di Mel Man

Quanno a Roma vai a passeggio, si sei na bella pischella,
nun te mette i tacchi arti, fatte abbastà na pianella.
Si perché, ce sta ‘n probblema, che a ogni angolo te coje,
proprio mentre tu cammini benedetti sanpietrini.

Nun te parlo de bajocchi, sordi ormai fora de corso,
manco de li muratori che se spezzano la schina,
t’aricconto der serciato steso in ogni via der centro,
che te spacca le cavije si cammini e nun stai attento.

Quanno piove, è più insidioso, ma te posso di na cosa,
me ce ‘ncanto ner guardalli so na cosa strepitosa.
Griggi come er celo stesso, che da sopra s’ariflette,
ce se specchia er mondo intero, con immaggini imperfette.

Ma si Pluvio s’ariposa, lascia sciorti i nuvoloni,
po succede quarchecosa a cambiatte le illusioni,
ecco Apollo scorge ‘no spazio, tra li nembi si ammucchiati,
e ce spara dritto un raggio che li rende illuminati.

E’ così che per incanto, quelle immagini sfocate,
vivono de nova vita, più precise, più marcate,
bastano le gocce d’acqua a rabbrividì la pelle,
prese da sto sole d’oro sembreranno tutte stelle

Quindi puro a mezzogiorno, solo doppo c’ha piovuto,
poi vedè Roma de notte, su sto specchio si formato,
e siccome sto serciato, c’ha dumila tesserine,
tu le guardi e ce vedrai ste dumila cartoline.

Nelli secoli passati ma ancor oggi li da soli,
a posà ste pietre nere tu ce trovi i serciaroli,
veri artisti senza uguali, nun so’ certo manovali,
se mantengono l’aeterna, co i sistemi centenari.

 

 

 

[ articolo originale ]
Tags:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi