Title Image

L’urtimo Sampietrino

L’urtimo Sampietrino

di Gianfranco Tantini

Ecco che ce risemo nantra vorta!
S’è risvejata de novo la tempesta!
Er Sampietrino nun avrà mai pace!
N’antro fregnone lo vole da levà!

Te credo! Quer povero “tapiro”
che a Roma lo chiamamo “zainetto”
quanno esce cor biciclo, poveretto,
si pia na buca… se pole aribartà!

Si A Roma ce so buche pe le strade
è corpa sua! Questo n’se po’ nega!
N’vece de rimedia li sordi co l’affitti
regala “spazzi” pe falli guadambià!

L’urtima fregnaccia de quest’anno…
(ce ne sò tante che stamo a sorvolà…!)
E’ stata de “regalà” er Circo Massimo
e crea n’casino che n’te poi immagina!

Adesso pe rifasse un po’ de faccia
perché tutti je se stanno a rivortà…
vò che le strade “cambieno la faccia”
e… r’Sampietrino lo vole arilevà!

Così… l’avranno vinta i petrojeri
che fornischeno bitume e brecciolino!
Ma nun se renne conto der casino
che a ROMA nostra je và a combinà?

N’do guardi, guardi, ne l’artre città
te vedi strade ricoperte co sti “sassi”
perché a Roma adesso che ce stanno
sti quattro “fessi”…? li vojono levà?

Magari… si guardamo sotto, sotto…
quarcuno ce se n’venta la “mazzetta”.
Noi sai che famo? Denunciamo in fretta!
E… sti “vorponi” li annamo a controllà!!

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi