Vecchi ricordi

Vecchi ricordi

di Gianfranco Tantini

E manco a dì! La corpa n’è mai nostra,
De quarcunartro… Ma nu sò de chi!
Se n’ciampichi s’un vecchio Sampietrino
la corpa e sua! Perché se trova lì!

Eppure,de servizi in tutti st’anni
n’ha fatti tanti e ha sopportato tanto!
Da quanno è nato ha digerito sempre
quello ch’er monno je serve tutto er dì.

Er peso de le machine che passeno
è n’par de secoli che lo stà sopportà!
Oggi, puzze e monnezza che la gente
gnorantemente, pe terra stà buttà!

Lo fa pe esse ligio ar suo dovere.
Questo, janno n’segnato quanno è nato!
Se vede ancora fresco e assai possente
com’era quanno, lo staveno a cavà,

Pe tanto tempo s’è sentito m’portante.
Sempre pe strada, n’sieme a li fratelli.
Poi, pe corpa de na buca, so stati separati.
Da m’pò de tempo n’se vedeno più.

Sò capitati in mano an serciarolo
che ha mischiato tutta la famia.
Mo, er fratello è du righe più sotto,
e der cugino, n’se sente più parlà.

Se sente solo! Pure er vecchio padre
a causa de la posa d’en tombino,
l’hanno scheggiato e messo da na parte.
Così com’era n’poteva più servì!

Ormai, se spetta dan momento a l’artro
magari, pe la corpa de n’quarcuno
che ha dormito coi piedi for del letto,
er rischio che lo vengheno a cavà!

E dopo tutti st’anni de servizio.
Dopo ave conosciuto Papi e Re.
Se deve sottomette a n’Assessore
solo perché, nu lo pò più vedé?!

Te pare giusto? Perchè lo voi levà?
Pe me è na cattiveria! Un vero torto!
Lui er dovere suo l’ha sempre a fatto!
E’ vero, è vecchio, ma n’è mica morto!!!

 



Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi