Title Image

Li volemo lassà n’pace?

Li volemo lassà n’pace?

di Gianfranco Tantini

A Mà, che me sai dì der Sampietrino?
Perché me lo domanni fietto caro?
Da quello c’ho sentito dar sor Franco
Sò pietre antiche che vonno fa sparì!

Che te devo da di fietto mio,
A casa, nostra era na gran cosa!
Tu nonno cià cresciuto la famia!
Pe anni, l’ha montati a sta citta!

Me ricordo quann’ero rigazzina
Che, l’annavo a trovà li sur lavoro,
Stava a pavimenta via Nazionale
Io, je portavo l’acqua e damagnà.

Allora er Nonno era n’omo capace.
Ha, sempre fatto belle strade a Roma!
Chi è sto furbo che mo le vò sfascià?
E’ n’assessore che se ne sta m’portrona!

Dice che le machine che passeno
Danno fastidio a quarche capoccione.
Che le sciacquette co li tacchi a spillo,
Si piove , a vorte, fanno un ruzzolone!

Si è vero tutto quello che me dichi
Me sai dì, si è giusto quer che fanno?
Adesso che la musica è cambiata,
N’sarebbe mejo parlà co Alemanno?

Magari, ce raggiona su sto fatto
Che je fa risparmia er dio quatrino!
E de sicuro, lui troverà er rimedio!
Vedrai, a Roma Rimane er Sampietrino!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi