Title Image

Vita da Sampietrino

Vita da Sampietrino

di Gianfranco Tantini

Un vecchio Sampietrino un pò scheggiato
Stava appoggiato sopra ar marciapiede
Er Serciarolo che l’eva scartato
Se lo guardava senza sape che fa.

Manco poteva de finì er lavoro
Adesso je mancava n’ Sampietrino.
Guardava er pavimento, sconsolato
Pensanno a come poté rimedia.

N’idea balorda je venne tutto n’tratto!
(Si allargo lo spazio fra le pietre,
Posso lassà da parte er vecchio scarto
Te allungo lo spazio e… nun se vede).

Così fece. E… t’allungò lo spazio,
Dimenticanno er vecchio Sampietrino
Che zitto, zitto rimase da na parte
Cercanno de capì er suo destino.

Jannette bene, perché na turista
Se lo raccorse e se lo portò via
Lo n’cartò ner fojo d’en giornale
E in poco tempo lo fece sparì.

Lo fece solo pe ave un ber ricordo
De Roma, eterna e granne ner monno.
Pensò ch’er Sampietrino abbandonato
Potesse aricordaje un grande amor.

Ancora oggi er vecchio Sampietrino
Fa bella mostra drento na bella casa
Fra vecchi libri, su na scrivania
Vecchie avventure se sta a ricordà.

Ripensa a quer fietto in bicicletta
Che ruzzolanno se spellò er ginocchio.
A quella signorina un pò sciacquetta
Ch’er tacco de la scarpa se sfasciò.

Ricorda ancora li feri der cavallo
Che li a li Fori tirava na carozza.
Nun pò scordà er tempo de la guera
E de la pace, che puntuale arivò.

N’ha viste tante de cose belle e brutte!
Da Roma sua, lontano nun sa sta!
Mò, cià er pensiero pe na persona sola
Che li fratelli sui… Vole levà!

Ultimo aggiornamento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi